Luca De Filippo

Biografia

Foto Luca Profilo Linkedin, esperto in comunicazione.

In questa sezione mi presento e ti spiego come è stata lunga la strada per diventare un esperto in comunicazione. Strada che, tuttavia, ancora è molto lunga da percorrere.

Mi chiamo Luca De Filippo e non sono figlio d’arte (Si, il mio nome ricorda quello del figlio del grande Eduardo).  Sono nato a Sarno, in provincia di Salerno e ho passato la mia gioventù a cavallo dei due capoluoghi.

Sono figlio di emigranti italiani, sbarcati negli Stati Uniti e poi rientrati in patria. Mio nonno, i miei zii e mia madre mi hanno sempre spinto e supportato nell’imprare l’inglese fin da ragazzino. All’età di 5 anni già avevo un buon vocabolario a disposizione. Ho sviluppato da subito un talento naturale per le lingue straniere e posso dire di esser diventato un trilingusta già all’età di 10 anni. Mia zia, rientrata dal Venezuela, si è presa cura di me e mi ha insegnato lo spagnolo.

Gli anni del liceo

Il mio primo approccio con il mondo della comunicazione l’ho avuto quando ho frequentato il corso di Teatro tramite il liceo. Non per vantarmi, ma non ero male come attore e ho girato un bel po’ l’Italia partecipando a diverse kermesse con la mia scuola. Li ho imparato molto sull’utilizzo ottimale del verbale, non-verbale e paraverbale.

La scuola mi ha insegnato tanto, non solo a livello culturale, dove ho ricevuto delle solide basi sia in ambito scientifico che in quello umanistico, ma anche grazie a tante attività parallele e pomeridiane come il giornalino scolastico, dove sono stato redattore, l’organizzazione degli eventi principali (come il torneo di calcio, le feste di fine anno (Mak TT), la giornata dell’arte studentesca, il Caro Cabaret), e ai percorsi formativi extra-scolastici come il corso di informatica e di musica.

Inizia la carriera lavorativa e dell’università

Ho iniziato la mia carriera lavorativa nel 2007. Durante gli studi universitari non ho mai smesso di contribuire all’organizzazione di eventi in ambito musicale e sportivo. Cominciai a suonare il basso e la chitarra e divenni parte integrante di alcune band dell’agro-nocerino sarnese, (The Bridges, Brothers in Blood, NeVro). Con loro ho organizzato diverse serate nei locali della zona.

Ho partecipato al programma Erasmus a La Coruna e li innamorai della Spagna, dove ho vissuto per due anni, lasciandomi alle spalle la mia vita in Italia e abbandonando i miei studi per fare diverse esperienze di lavoro, di vita e linguistiche.

Dopo questa parentesi ritornai in Italia più carico che mai. Ripresi i miei studi per completare la laurea in Lingue e Culture Straniere.

La mia laurea, a differenza di altri corsi orientati principalmente alla grammatica e alla didattica mi ha fornito anche delle solide basi in sociologia. In effetti, i voti più alti della mia carriera li ho ricevuti nelle materie sociologiche. Tra queste storia moderna e contemporanea, storia sociale e sociologia, storie delle città. Ho avuto anche l’occasione di tenere una conferenza in aula sul tema “Storia sociale del calcio in Italia – Gli anni 80”).

Il mio professore di informatica, relatore della tesi, mi invitò a tener presente il futuro delle lingue e della comunicazione. In quell’epoca si stavano sviluppando i social media e ha deciso di orientare la mia attività su quell’ambito. Per questo ho scritto la tesi di laurea sul Social Media Marketing. 

In quel momento avevo deciso di voler diventare un esperto in comunicazione.

Il debutto nel mondo social

Grazie a questo lavoro ho cominciato a sperimentare e, coadiuvando i miei interessi, avevo fondato una rete sociale online chiamata “Axis Of Music” che raccoglieva tutti i musicisti della sua zona. Grazie a loro ho organizzato diverse manifestazioni come la “Giornata dell’Arte Studentesca 2011” a Sarno, il “Rock in Park” in località Foce e diverse serate tra il “Maudit” e il “Rockery” di Poggiomarino in collaborazione con la Noir Ensemble Events.

La mia passione per il calcio mi portò ad organizzare, tramite diversi gruppi social su Facebook, il “Torneo Deportivo Butterfly  & Calcettomani“, un torneo di calcio a 5 che prende il nome dei due gruppi online. Il torneo ottiene un discreto successo tanto che organizzai a distanza di un anno la seconda edizione.

Le esperienze da giornalista

Poco prima della laurea entrai a far parte del gruppo di Zerottonove, attuale gestore della UTV dell’università di Salerno come giornalista, gestore di contenuti, organizzatore di eventi, produttore video e responsabile comunicazioni della zona Agro-Nocerino Sarnese. Nel marzo del 2013 arrivò la laurea in Lingue e Culture Moderne. 

Dal mio lavoro nello sport locale, riesco a farmi notare dall’ufficio stampa della Polisportiva Sarnese che mi assunse come produttore video e assistente addetto stampa. In questo periodo riesco a creare una rete professionale con diverse testate giornalistiche locali. Tra le più importanti come Tuttocalciocampano, Zero a Zero, SarnoNotizie, Il Mattino e La Città. Collaborai strettamente anche con la TV locale Capri Event diventando l’inviato sul campo per “Tutto il Calcio Minuto per Minuto”. In questo periodo, la direzione mi volle assegnare anche il ruolo di dirigente accompagnatore del nuovo settore giovanile della squadra.

Nello stesso periodo avevo avuto l’occasione di dare continuità al progetto sugli eventi sportivi. La società mi diede il via libera di organizzare il “Champions Tournament”. Torneo di calcio a 5 che riscosse un notevole successo in paese.

Nel frattempo stavo pensando di avviare il progetto di Radio Panta Rei, come prima emittente radiotelevisiva sul web nata a Sarno. Il progetto, purtroppo, è durato solo sei mesi e non ha ricevuto continuità.

Si parte per l’estero

Nel 2014 parto per uno stage internazionale a Valencia presso il Gruppo Transvia, dove ho imparato molto sulla grafica pubblicitaria e sul lavoro del community manager, diventando un vero esperto in comunicazione digitale. Ho imparato ad usare WordPress e user avanzato di Photoshop, InDesign, QuarXPress e Freehand. Ovviamente, il mio spagnolo non fece altro che migliorare, sviluppando anche un linguaggio più business e professionale.

Nel 2015 ho la possibilità di completare la mia carriera nel mondo della comunicazione presso lo studio creativo ODD Creative. Il 20 aprile, invece, pubblicai la prima serie di romanzi brevi scritti da lui in epoca universitaria: “Racconti di un’estate” tramite Edizioni Il Pavone.

Nel 2015 sono partito per Malta dove ho lavorato come assistenza clienti (Customer Care Advisor). Al contempo ha seguito un corso di “Comunicazione e Relazione”.

Ho lavorato per STK Europe, dove mi occupai di assistenza ai clienti internazionali e alla collaborazione alla traduzione di contenuti dallo spagnolo all’italiano e viceversa. Avevo subito messo in pratica tutto quello che avevo appreso in questi anni e la direzione aveva capito che ero un esperto in comunicazione. Il mio passaggio a Team Leader per gestire il reparto comunicazioni in spagnolo era assicurato. Purtroppo l’azienda si ritrovò a chiudere i battenti prima del previsto.

Ritorno in Italia

Dopo un triennio sull’isola del Mediterraneo, rientrai in Italia e attualmente lavoro presso Cerved Group come Communication Manager. In questa esperienza riesco ancora una volta a far notare le mie abilità comunicative. Il mio responsabile mi invita a tenere sessioni di formazione per new entry sulle tecniche di comunicazione scritta e orale. Oltretutto, collaboro attivamente con diversi Area Manager e Regional Manager per lo sviluppo di strategie di contatto per le aziende.

Nel frattempo, sto seguendo un corso in Personal Branding e Social Selling. Questi corsi mi hanno spinto ad avviare il progetto di questo blog e migliorare il mio stile comunicativo sui social network. Di certo non sono ancora diventato un vero esperto in comunicazione, ma credo di essere sulla buona strada.

Nel 2019 pubblico in autonomia il mio primo romanzo “House” con lo pseudonimo di Daryl Azzopardi.

Per scoprire di che tratta il mio libro clicca qui

Nel tempo libero suono la chitarra, scrivo racconti brevi, sono appassionato di internet, computer e videogame. Ovviamente amo il calcio e tifo Napoli. Amo i viaggi e la buona tavola. Alcune volte, provo piacere nel rendermi utile alla società con delle traduzioni e localizzazioni di programmi informatici tramite hub di traduzione crowdsourced (Weblate).

La mia formazione non viene mai trascurata, per questo mi tengo spesso aggiornato con corsi, webinar, white paper. Mi piace analizzare i sistemi di comunicazione e apprendere quanto più possibile sulle tecniche di marketing, principalmente offline e poi online.

Di recente sono diventato anche un partner ufficiale Amazon, dove sponsorizzo alcuni prodotti interessanti, soprattutto in ottica di miglioramento della comunicazione.

Se vuoi vedere quali prodotti sponsorizzo clicca qui

Sono una persona con molti interessi, quindi potete trovarmi a sperimentare di tutto, dallo studio di linguaggi di programmazione, alla creazione di videogiochi, ad un nuovo romanzo o una serie di content specializzati sulle mie esperienze.

Ora che hai avuto modo di vedere come è stata la mia strada per diventare esperto in comunicazione, puoi iscriverti alla newsletter.

Così ti tieni aggiornato anche sulle mie riflessioni, sul marketing e sulle lingue straniere.

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.